:::: MENU ::::

Si può fare arte con le foto?

Ed ecco qui una domanda che molti si pongono e mi pongono, una domanda il cui fondamento in realtà non fa altro sempre e comunque di sfuggirmi. Per quale motivo fai ci si dovrebbe porre il dubbio se una fotografia sia o meno arte? Certo che è arte! Di sicuro non è arte la fotografia che si scatta a fini commerciali a un interno di una casa per venderla, oppure a questo o quel nostro amico rispetto ai quali però non si ha alcuna finalità artistica.

Insomma, non basta inquadrare un qualsiasi soggetto o oggetto e premere il pulsante di scatto per ottenere una fotografia artistica; anzi, è ben più probabile che si ottenga qui e in molti altri casi solo e soltanto uno sputo di foto. Una roba sfocata che con il concetto di arte non ha proprio nulla a che fare, sia ben chiaro e vi rimanga impressa in mente questa cosa, perché è importante anche qui in questa sede e ai fini del nostro discorso.

Continua leggere


Quanto conta la fotografia fuori dall’Italia?

Ci sono molti Paesi nei quali la fotografia trova una importanza che è ben maggiore rispetto a quanto conta invece qui in Italia, là dove infatti vi sono molte meno mostre di quante se ne possano trovare in altri Paesi. Per quanto mi riguarda infatti basta pensare che qui, per la tradizione storica che è proprio nostra e propria della nostra storia, è la pittura ad avere una importanza non solo ben maggiore, ma del tutto considerata.

Io vi voglio infatti sottolineare come sarebbe importante qui aumentare la importanza e la rilevanza del tutto specifica delle mostre di foto in quello che è il nostro paese e la nostra realtà, dato che in questa nostra sede è di per certo il centro e il fulcro più importante della nostra passione e della nostra realtà. Io vi dico in fondo che vi conviene procedere a una maggiore rilevanza del mondo della arte della foto e che in questo senso dovrete muovervi pure voi.

Continua leggere


Sì, viaggiare!

Quale momento migliore per trovare i migliori oggetti e soggetti per le proprie foto se non durante uno o più viaggi, che si possono fare sia da soli che insieme ad amici, a moglie o ragazza o fidanzato, insieme ai parenti, o con altri appassionati di fotografia. Ci sono così tanti posti nel mondo che meritano di essere fotografati, e che sono ricchi di oggetti di foto e di arte, a dir poco difficili da descrivere a parole e che magari, proprio in una foto, possono trovare una trasmissione almeno un poco migliore delle loro emozioni.

Certo, è ben chiaro che non è comunque facile neppure in questo modo portare a chi vede una foto le stesse emozioni che prova chi quella cosa la vede invece dal vivo. Eppure, prova a pensare a quanto possa essere facile cercare di ottenere begli scorci da scenari che già di per sé sono fortemente artistici. Non è poca cosa infatti trovare un lago, una montagna, un albero, un fiume o chissà quale altro elemento naturale che può meritare una o più foto da portare poi a casa e da far vedere ad amici e a parenti.

Ed è infatti nella conoscenza di nuovi posti e nuovi luoghi che ritroviamo le possibilità di nuovi acquisti, di nuovi scorci e di nuovi scatti, di nuovi luoghi da visitare e non solo, da vedere e ritrarre con le nostre macchine fotografiche e sulla pellicola della nostra macchina. Insomma, quanta arte c’è nel mondo che noi possiamo riprendere e portare a casa e rendere arte ancora di più grazie alle angolazioni e agli effetti e alle emozioni che noi stessi sappiamo metterci?

D’Italia e d’estero

E ciò non vale solo per il nostro Paese, il quale comunque entro i propri stessi e confini può offrire tanto di quel ben di Dio in fatto di arte da poter fare impallidire qualsiasi altra nazione sulla faccia di questa nostra bella terra. Ma in fondo, anche all’estero si possono trovare oggetti e soggetti i quali possono essere di per certo essere definiti come pronti per essere ritratti in uno scatto artistico. Insomma, c’è così tanto da prendere e così tanto da fotografare.

Certo non è per tutti i budget prendere e comprare biglietti o benzina per muoversi di qua e di là e scattare sempre nuove fotografie: ma allora come si può fare? E insomma, questo non posso che rimetterlo alle vostre condizioni.


Cardiofrequenzimetro: come conoscere il cuore

Ho sempre amato fare sport, ho cominciato con ottime camminate in montagna, fino a diventare un ‘camminatore’ professionista,me molto spesso vado in montagna per allenarmi. Ho quasi sempre bisogno di spazi verdi, naturali per allenarmi nel modo giusto, per cui ho anche deciso di vivere lontano dalla città, ma non è di questo che vorrei parlarti oggi. Facendo molta attività fisica, devo tenere il mio corpo controllato costantemente, quindi faccio esami molto spesso, seguo una dieta ben precisa, e quando vanno in montagna per le mi è camminate utilizzo il mio cardiofrequenzimetro senza fascia.

Credo sia un’ottima trovata della tecnologia, specialmente per noi sportivi, si tratta di un dispositivo che calcola il battito del tuo cuore, principalmente, di conseguenza, grazie a questo strumento posso tenere i miei battiti sotto controllo, monitorandoli, credo sia molto importante soprattutto per chi compie uno sforzo come il mio, questo tipo di attività richiede anche molta resistenza e il cuore e constante mente sotto sforzo.

Grazie al cardio frequenzimetro posso sapere quanti battiti al minuto, e anche come migliorano le mie prestazioni, sempre grazie ai battiti, inoltre, io ne ho diversi, alcuni modelli di base mi permettono solo di calcolare l’attività cardiaca, altri di dirmi anche le calorie che brucio oppure di sapere quanti chilometri sto percorrendo. Ora spiego meglio, per prima cosa occorre specificare che esistono due tipologie, la fascia che si mette intorno al torace, e il sensore che si collega al dito; come puoi immaginare da sola, la fascia risulta molto più precisa nel calcolare i battiti ed ha molte più funzioni rispetto alla versione da dito per cui solitamente costa di più.

E anche possibile trovare dei cardio frequenzimetri da dito più avanzati, ma generalmente la versione a fascia toracica può aiutare di più uno sportivo. Io ho entrambe le versioni, dipende da quello che faccio da dove vado, quanti chilometri decido di percorrere per il mio allenamento. Solitamente, quando vado con la mia famiglia, porto quello a dito, mentre per i miei allenamenti, dato che ho bisogno di più informazioni, utilizzo la fascia, soprattutto perché me ho una integrata con sistema GPS, che memorizza il tracciato percorso.

Mi aiuta negli allenamenti!

Molte persone mi avevano sconsigliato il modello a fascia, dicendomi che era più fastidioso; in effetti potrebbe essere, ma come ogni cosa, credo si trattati anche di abitudine. Se stai pensando di acquistare in cardio frequenzimetro per svolgere meglio la tua attività fisica-sportiva, o per motivi di riabilitazione, ti consiglio un modello con la fascia, perché ti potrà aiutare molto, aumentando anche il tuo allenamento, sono come dei personal trainer elettronici. Dall’altro canto, se non hai troppe pretese e vuoi cominciare a capire come funziona il tuo cuore sotto sforzo anche un cardiofrequenzimetro a dito soddisferà le tue esigenze.


Nuova musica grazie alle mia casse amplificate!

La musica, che bella invenzione, io non ho mai avuto il piacere di imparare a suonare uno strumento, credo che un musicista capisca molto bene quello che sto dicendo; perché quando sai suonare qualcosa senti la musica dentro più di qualsiasi altra persona, vibri insieme a lei e diventi uno con il tuo strumento, a confermare la mia tesi di umile spettatore di concerti, il viso e l’espressione dei musicisti mentre suonalo, quel senso di serenità, appagamento e beatitudine che riescono a provare in quel momento. Io son bel lontano da poter capire le loro sensazioni, ma dalla mia parte sono sempre stato molto interessato alla storia della musica, e quindi sono pieno di dischi in vinile, cd, cassette e ovviamente anche di musica in formato digitale.

Il modo di ascoltare la musica è cambiato, molto più spesso abbiamo la possibilità di riprodurre il suono in modo così potente, anche da casa nostra grazie alla grande invenzione delle casse acustiche amplificate. Come puoi ben pensare, l’amplificazione del suono permette l’aumento nella potenza, e tutto risulta molto più profondo, se non hai mai provato, e hai uno stereo, prova solo a togliere i bassi, ti rendi subito conto di come cambia la potenza del suono.

Le casse amplificate ti permettono di avere un’ottima qualità del suono e di poter aumentare il volume senza disturbare la musica, riuscendo ad ascoltare come fossi ad un concerto, di questo parlerò tra poco, ora vorrei spiegare una distinzione fondamentale, quando si parla di casse amplificate, perché ne esistono di sedute categorie: le passive e le attive. Questa e una distinzione fondamentale perché cambia anche il modo in cui le casse acustiche vengono amplificate; infatti, le casse attive sono già disposte di un sistema di amplificazione interno che permette di ottenere subito un suono amplificato secondo la potenza delle casse.

Mentre casse amplificate passive non ne hanno uno, ma potrà essere collegato esternamente con una presa. Tra le due cambia il peso, infatti quelle attive sono più pesanti perché hanno il dispositivi al loro interno, mentre quelle passive sono quasi vuote, per cui molto più leggere; i musicisti utilizzano quelle passive, perché conoscendo le casse acustiche, sanno che tipo di amplificatore cui stare, a che tipo di potenza, mentre io ho un sistema di amplificazione attiva, perché non sarei i grado di acquistarne uno.

Mi sembra di essere ad un concerto

Le casse amplificate ti permetteranno di vivere la musica come in un concerto, soprattutto perché l’amplificazione, aumentando la potenza, consente un aumento del suono stesso, e tutto questo grazie al rapporto tra la corrente, ossia il wattaggio, e il volume, in decibel; il rapporto tra le due costanti permette il calcolo della potenza delle tue casse, ma qui ragazzi entriamo in un mondo di fisica e matematica, che non è per nulla facile da spiegare.

Quando mi riferisco al fatto che sembra di essere ad un evento, vorrei comunque precisare che il luogo nel quale amplifichi il suono risulta molto importante, non dimenticare che gli studi musicali sono ben protetti da rumori esterni, questo per minimizzare la dispersione del suono.


Il frullatore che mi semplifica la vita!

Io credo che sia giusto che qui in questo mio blog si giunga anche a provare e fare una specie di prova fatta insieme di questo prodotto che, esploso di recente come uno dei modelli di maggiore e più autonoma e propria utilità, ossia e appunto i cosiddetti frullatori automatici o elettrici, i quali possono aiutare le casalinghe italiane a riposarsi un poco ogni tanto e ogni volta anche perché e appunto ci pensa il frullatore stesso a sminuzzare e a ridurre in buona poltiglia gli ingredienti per le tue pietanze. E per quello che io ho provato, in effetti, esso funziona nel miglior modo possibile.

Sono questi degli strumenti dotati di lame le quali ruotano su se stesse e in questo modo tagliano gli ingredienti, che è ovvio non dovranno mica essere troppo duri, perché se no quando toccano un ostacolo troppo duro si fermano e magari si rompono pure, e in questo modo evitano di frantumarsi in mille pezzi. Tali precauzioni infatti possono essere utili, in quanto potrebbe tale frullatore altrimenti rompersi e dover essere sostituito. Io vi dico solo di stare ben attenti a tutto ciò che riguarda la protezione di un oggetto che comunque ha un certo prezzo, a cui stare ben attenti.

In sé e per sé, dunque, tale frullatore automatico offre una grande funzione di sminuzzamento per ortaggi, e frutta, e molte altre cose in casa vostra, e a partire dalla quale allora io vi chiedo e vi invito a stare bene attenti contro ogni cosa o movimento e così via, i quali possono infatti determinare un problema a priori che dovrete non solo superare, ma anche e pure se riuscite a prevenire. La prevenzione dei rischi è infatti in sé e per sé ogni posizione di opportunità e convenienze. Se ne avete mai già provate, scrivetemi le vostre opinioni e fatemelo sapere, cosa ne dite? Grazie mille cari i miei lettori e care le mie lettrici!

Lo strumento che diviene un valore aggiunto

In questo modo, sia chiaro come io ve lo dico, è ben possibile che in sé e per sé questo determina e aiuta a in sé e per sé a ottenere tutto quanto e tutto ciò che si è riuscito a ottenere grazie alla tutela e a un acquisto di un frullatore, e il che vi aiuta con un semplice acquisto a ottenere un risparmio di tempo in cucina a dir poco utile se non fondamentale. Io vi chiedo allora, se ancora non avete un robot di questo genere, per quali motivi non la abbiate comprate.


Un lettore DVD portatile per il mare

Forza, provate un po’ a pensarci: voi, sdraiati sulla spiaggia e col mare davanti, e un gran bel film da guardare sdraiati ben bene sullo sdraio. Perché, sia chiaro, non è che si possa stare tutto il giorno in acqua, e io non sono una tipa da sudoku o da enigmistica e cruciverba. Leggo, quello sì, ma dopo non molto tempo a leggere col caldo della spiaggia, mi viene il mal di testa. Quindi, per evitare il rischio di annoiarmi, ecco la soluzione: un bel lettore DVD portatile, e un bel paio di cuffie.

Qualcuno è anche venuto a chiedermi dove lo avessi comprato, sapete? E infatti, ve lo dico, la settimana successiva ho visto almeno altre tre o quattro persone che sono arrivate in spiaggia con un bel lettore dvd portatile sgargiante e nuovo di zecca. Insomma, ne val bene la pena se in effetti è anche in grado di concedervi il necessario relax che la spiaggia dovrebbe sempre offrire e garantire. E con anche le cuffie non rischiate di disturbare gli altri, e siete anche sicuri che non sarete disturbati dagli altri e riuscirete a seguire bene il vostro film o la vostra serie tv.

Ma cerchiamo allora di fare qui noi un passo in avanti: pensate forse che ci si possa arrestare qui e poi ritenersi soddisfatti? Ma assolutamente no, io vi dico che noi vogliamo prendere solo il meglio possibile da questa nostra esperienza di divertimento, e allora eccoci qua a discutere di come poterci godere i nostri film e le nostre serie tv preferite in spiaggia, comodi comodi sullo sdraio. Però se pensate che il salmastro e la sabbia o il calore possano rovinare il vostro lettore, vi basta munirvi di apposite custodie: si trovano i tutti i negozi di elettronica e non solo!

Mai senza il vostro enjoyment!

Non vi è proprio mai fine al divertimento in questi casi. E infatti io penso che anche per i vostri compagni questo possa essere un bel regalo: magari non per i bambini, però, mi raccomando, perché è meglio che giochino un po’ con la sabbia e in mare, e che non stiano anche in spiaggia a fissarsi a uno schermo, che già lo fanno spesso a casa. Però, per gli adulti, c’è la possibilità che questa idea salvi molti ma molti pomeriggi, non credete anche voi? E allora poi fatemi sapere se vi siete trovati bene!


Da nord a sud col mio navigatore satellitare

Io ve lo voglio proprio dire, perché mi capita or ora molto spesso che ci si trovi in una situazione in cui la gente non ci crede al fatto che un navigatore satellitare è molto ma molto in grado di alleggerire le preoccupazioni di ogni guidatore che si trovi a dover andare in un posto anche molto lontano, senza esserci mai stato prima. E sapete anche voi che non è che uno debba sempre andare a San Siro, o al Colosseo o cose del genere, che ci sono cartelli che cominciano tipo 800 km prima!

In certi casi, quando la destinazione è a dir poco difficile da raggiungere, e ci si trova nella situazione di dover trovare comunque quel posto così sperduto e magari anche di dover rispettare un certo orario, io penso che il navigatore sia la soluzione perfetta e magari anche e pure la nostra unica ancora di salvezza. Insomma, dopotutto mica ci possiamo fare tutta la strada con la cartina, la quale di per certo non conosce le viuzze delle cittadine e insieme anche le grandi arterie nazionali. Un bel casino, se mi permettete di dirlo!

A questo punto, allora, io penso anche che un bel navigatore possa essere e diventare un bel regalo da fare a qualcuno che si trova in questa situazione, per aiutarlo a uscirne prima di impazzire tra strade e stradine e viuzze e sensi unici e tutte queste cose qui che non fanno altro che far impazzire la povera gente come noi, tra volanti e semafori e precedenze e stop e tutte queste cose qua. Dunque, aiutiamoci insieme a venirne fuori una buona volta!

Ma quando mai mi è passato per la testa?

Di andare in giro senza navigatore satellitare intendo eh, sia ben chiaro! Stavo veramente impazzendo! E a furia di sbagliare strada ancora e ancora e ancora, mi sono ritrovata a sclerare tutta sola in macchina come una imbecille. Poi, per fortuna, a furia di chiedere indicazioni ai poveri passanti che ho più volte importunato, sono riuscita ad arrivare alla mia destinazione.

Era un vero e proprio dedalo di sensi unici, una cosa da far impazzire, in pieno centro storici e con decine e decine di accessi ZTL, che a momenti mi veniva da pagare una multa tanto salata che non vi dico, che forse mi ci sarei potuta comperare ben quattro navigatori tutti insieme!


Come scegliere la tua levigatrice?

Se vi confidate del mio parere e in specie di questa mia indicazione, allora vi consiglio fin da subito di mettervi a rintracciare sugli appositi motori di ricerca dove sia possibile scorgere uno di questi siti di comparazione per trovare tutto quanto e tutto quello che volete dal mercato. Che in fondo poi una levigatrice nuova serve un po’ a chiunque, e io credo che se ci si sposta in tal senso e non solo in sé e per sé ci si trova in un mondo davvero ma davvero idoneo e appropriato, che ci si faccia in tutto e per tutto sicuri di ciò, io dico.

Ho trovato un portale che è a dir poco spettacolare, il quale non solo ti consiglia su quale levigatrice comperare in quanto è la migliore per te, ma addirittura ti dice dove puoi comprarla con sconti e pubblicità ottime. Insomma, non solo tanta ma tanta particolarità, ma anche un bel e vero risparmio! Io credo che più di così ci sia ben poco da chiedere o da sperare, e che ci si debba invece far proprio e subito sotto e cogliere questa opportunità al volo.

Ma allora quali motivi ci dovrebbero essere per muovere una valutazione a un complesso di levigazione in specie rispetto a uno diverso e che sia altro e differente e che magari allora e pure abbia una funzione in sé e per sé diversa? Beh, il fatto è ben semplice io credo, e si basa su quello che è lo strumento logico e deduttivo del paragone tra elementi di qualità e di forma e di contenuto e di potenza e così via che siano via via e tra di loro comparabili, appunto, e ciò rende chiaro il tutto senza alcun minimo problema.

Il modello migliore per le tue esigenze

E ciò io non dico solo e perché tu sia un folle o un pazzo o chissà cosa altro, ma particolarmente e io dico anche e ritengo che sia perché in fondo noi tutti vorremmo vedere la levigatrice perfetta per le nostre necessità di lavoro sia in fai da te che in ambito lavorativo, e che sia o che non sia poi anche e pure di tipo ultimato o totale. E che sia poi anche e pure per fini o scopi propri o appunto e pure in aiuto a chi abbia bisogno di una mano, e sia chiaro.


Quanto è bello immergersi da Trieste in giù con il mio orologio!

Eh già non vi è proprio il benché minimo dubbio che io vi abbia trovato una attività tanto ma tanto bella, che magari non è tanto bella quanto quella di cui si canta nella canzone che avete di per certo riconosciuto ma è per me comunque tanto ma tanto bella e divertente. Ed è ben chiaro che io non lo dico mica giusto per dire qualcosa qui e ora, ma invece perché io fin da ora ritengo proprio che ci sia in possesso mio il più bello alla estetica sia chiaro orologio subacqueo possibile. Sono però io ben certo che vogliate voi qui sapere di che modello sia. Provate a cercarlo voi!

Dovete cercarlo da voi, come poi in fondo mi son trovato a dover fare io. Nei motori di ricerca ho messo la parole e ho cercato e poi cercato e poi ancora e di nuovo ho cercato sui motori di ricerca e mi son trovato questo gran bel modello tutto suo e tutto nuovo e pure con una gran bella promozione che mi sono portato a casa e che mi hanno poi e pure e anche spedito del tutto gratis a casa col postino.

Ma qui e a questo punto io magari vi devo anche e pure spiegare dove io ho trovato questo orologio subacqueo così tanto bello dal punto di vista estetico e di cui vi sto a parlare qui in questo post. E in effetti e dunque io ho usato uno strumento che dico non è poi tanto particolare ma che in fondo mi è stato molto ma davvero tanto utile, ossia i siti di comparazione di prezzi e di prodotti, che mi hanno portato sia a trovare il modello sia a trovare le occasioni, gli sconti e anche e pure le promozioni.

E poi c’è il mare da Trieste in giù!

E con tutto quello che di bello si può fare di qua e di là sotto il mare e non solo sotto le coperte, direi che forse oltre a guardare un orologio tipo di bello guarda fauna e flora, però è di per certo poi e anche la più utile e io immagino forse anche la cosa migliore che per voi si possa fare. Insomma, io credo che per immersioni professionali non si può mica andare sotto acqua senza un buon e preciso orologio fatto apposta.


La mia nuova scopa a vapore

Giusto ieri ho acquistato una mia nuova scopa a vapore per poter pulire in casa mia e pure per poter ottenere qualche buon e migliore e pure e anche più comodo risultato in fatto di pulizia generale di casa. E voi cosa ne pensate di questi metodi di pulizia che ora e fin da ora usano la potenza e la garanzia di niente germi che offre il vapore caldo? Non pensate forse che sia una ottima idea per chi di noi si trova a dover pulire tutta la propria casa da sé?

Ma invece mi vorreste dire pure e voi qui nei commenti magari quali tipi di pulizie utilizzate per le vostre case e anche se in nel caso in cui doveste lamentare un poco di sporcizia nella vostra casa. Ma allora come mai voi non preferite ricorrere alle soluzioni a vapore invece di quelle solite e più tradizionali a cui ricorrete ogni giorno e di volta in volta e oramai e sempre con la solita lena un po’ annoiata e quasi e pure noiosa e che manca di brio ogni qual volta vi trovate a pulire?

Sia ben chiaro che io conosco bene e capisco bene tutte le vostre fatiche e le vostre noie e che pure e anche capisco bene quanto vi siate stancate di andare e andare e poi fare e rifare. E ripassare anche e pure ogni qual volta ci sia una cosa o un pezzo o un brutto angolo che non vi venga bene e che dunque vi trovate sempre e comunque a dover ripassare ancora e ancora. Non è questa e pure e anche una noia di quelle grandi ed enormi? Certo, e io come pure voi lo so e lo sappiamo bene! Anzi, benissimo!

Più comodo e più semplice

Eppure e inoltre con una scopa a vapore migliore diventa tutto più facile e vi trovate anche poi a essere ben più tranquilli a dover poi e anche a ripassare con metodi comunque e pur sempre e pure essi stessi tradizionali, dal che io dico che tanto è inutile perché così si spreca ancora e ancora più tempo.

Ma allora non è forse e già meglio prendere fin da subito una bella scopa a vapore e trovarsi di punto in bianco a essere ben più calmi e tranquilli in ogni dove e in ogni compito? Certo che sì, se vi fidate di me!


Un orologio da parete per rendere più bella la cucina

Vi parrà forse e proprio stupido venire a parlare di orologi da parete quando in realtà questo singolo tema è legato in modo sempre e più stretto a tutto ciò che è il gusto personale in fatto di arredamento, anche se in realtà ancora si legge in giro che tutti dovremmo metterci a copiare l’uno con l’altro questo o quello arredamento standard, che però ben poco ha a che fare con il nostro tema. Comunque, io sono una che anche all’ultimo momento trova il tempo di prepararsi, e allora vorrei anche e ora parlare di orologi da parete per colorare la vostra stessa cucina.

Voi credo che siate in consenso con me, e credo poi in specie i ragazzi, sul fatto che quando si arreda una casa non si può proprio fare a meno di prendere un buon orologio. E anzi, sia necessario come e anche attaccare in modo e maniera più forte tutto quanto si possa coinvolgere nel tema e nell’ambiente del tempo in stretta relazione con l’arredamento.

Comunque sia, io mi sono un po’ persa nei recessi della rete a cercare e cercare e poi e ancora cercare qualche offerta o qualche bello sconto per acquistare sotto costo un orologio da parete migliore in grado di distinguersi, e mi sono trovato in grande difficoltà: mi sembra proprio di non sapere dove diavolo io debba mettere le mani in questo posto, o ancora come cavolo sia possibile trovare e rilevare una ottima soluzione di compromesso tra prezzo e qualità.

La qualità e la estetica li rendono unici

E allora e dunque come sia mai possibile io mi chiedo ottenere una buona soluzione per arredare la vostra stessa cucina senza una eccessiva spesa o dispendio di denaro, che io vorrei e preferire e molto evitare, dato che e in specie si trovano i maggiori problemi quando si parla di combattere questo o quel problema o questa o quella questione di dentro o di fuori anche e con riguardo ai problemi di precisione o di estetica delle lancette, i quali possono rendere meno piacevole la vita di un povero ragazzo che patisce la scarsa precisione delle fotografie.

Se volete allora riuscire in qualche modo a darmi una mano dovreste allora aiutarmi e offrirmi una buona soluzione anche in seno e in senso di un ruolo da paciere che sappia anche e pure coinvolgere chiunque, sia in casa che fuori dalla propria casa.


Ed eccoci alla dieta tisanoreica!

Già, alla fine ho deciso di cominciare anche io con questa nuova tipologia di dieta che sembra che oggi impazzi da tutte le parti, con tante apparizioni in televisione che mi stupisco solo che non vi sia ancora stato anche il Papa a parlarne. E mi chiedo se tutte queste apparizioni corrispondano a un reale valore in sé di questa dieta o se invece e oppure dipenda da altro, e in specie da un valore nuovo e intrinseco che è la pubblicità. Insomma, vale o non vale questa dieta tisanoreica?

A me pare quanto mai difficile definirlo, ma forse se mi muovo verso la prova e il test di questa dieta potremo arrivare insieme a definire questo o quel risultato e allora a vedere se si possa raggiungere o meno questo o quel risultato definitivo. Allora cosa pensiamo di questo, e cosa diciamo da questo punto di vista, e in particolare cosa dovremmo fare? Semplice, dopo averla provata, vi dirò tutto quanto io avrò ricevuto e goduto, se del caso, da questa dieta tisanoreica.

Dobbiamo vedere di provare a seguire magari anche e pure passo a passo questo proprio test e i risultati che esso dovesse se del caso provocare, oppure anche e al contrario mancare. Io penso che se lo seguite con me magari potreste pure voi giungere a una valutazione che sia positiva o negativa di questa dieta per decidere se intraprenderla o meno, anche se è ben chiaro che i risultati non possono che variare di persona in persona, lo sapete bene e forse anche meglio di me.

Quale dieta per voi?

Voi magari vi state chiedendo se la dieta tisanoreica possa essere adatta anche a voi. Io sinceramente non saprei cosa consigliarvi, dato che tutto sono fuorché un dietologo. Dunque vi consiglio piuttosto di cercare e informarvi innanzitutto su quelle che sono le vostre fonti di informazioni mediche, ma soprattutto di rivolgervi al vostro medico e a un dietologo laureato, il quale solo ha tutte le competenze necessarie per darvi un consiglio vero e proprio su questo tema, che non vai dunque mai sottovalutato.

Se poi infatti si rischia di prendere brutte diete o brutte abitudini bisogna stare molto attenti, perché non vi è dubbio che con la salute non si scherza, e che piuttosto che rischiare è sempre meglio rivolgersi a un esperto che sa di sicuro di cosa sta parlando.


La mia nuova bici pieghevole!

E alla fine la ho comprata per davvero: anche io sono un fiero possessore di una bella e comoda bici pieghevole di ultima generazione, ultra leggera e comoda da portare in giro, ma è anche e pure molto accessoriata, con tutte le varie selezioni di cambio che io ritengo utili e necessarie. Tanti cambi, sellino comodo e anche un simpatico campanellino. Fa più casino che altro a dire tutto il vero, ma a me piace e tanto mi basta in fondo.

Sia pure dunque e che io debba qui parlarvi del mio nuovo acquisto giusto per farmi un po’ il vanto di quanto bella sia, ma anche e pure per dirvi che a oggi sulla rete si possono trovare ottimi sconti e promozioni per chi vuole comprare una bella e nuova bici pieghevole. Io consiglio a tutti voi di provare anche e già e pure solo a fare una ricerca in rete per vedere se trovate quello che cercate e che dunque vi possa interessare qui e ora, pure in ragione del vostro budget specifico è chiaro.

Ma vi posso di per certo assicurare che questo è un gran bel periodo per approfittare di buoni e tanti sconti online e in giro per la rete, anche e in specie sulle bici pieghevoli, che ne abbondano su siti di aste online ma anche e pure e non solo su siti di market online e per un po’ di buono e modico shopping sulla rete. Questo tutto comodi comodi dalla sedia o dalla vostra poltrona di fronte al vostro pc o computer portatile o tablet o smartphone che sia. In ogni caso, gli sconti li trovate lo stesso.

Tanto comoda quanto economica

Eh sì, dico proprio così e perché lo penso non mica perché mi passa per la testa di riempire un post con qualche parola a caso giusto per far numero! E anzi se doveste avere qualche dubbio su quale bici pieghevole scegliere non esitate a scrivermi, che sia qui nei commenti o invece e anche dalla pagina dei contatti, dato che per un buon e mio consiglio non chiedo certo e mica una parcella eh, sia ben chiaro. Anche perché non sono un esperto.

Ma al contempo e pure è ben probabile che io sappia indicarvi dove ho trovato questi sconti interessanti e così indirizzarvi fin da subito sui siti migliori o sui comparatori di prezzo più utili sulla rete.


Dove trovo termoconvettori scontati?!

Ecco una domanda di quelle che si sentono molto e molto spesso su internet, ossia la domanda su dove si possano trovare degli sconti e delle belle promozioni. Da questo punto di vista io penso che la si debba ricercare non solo e non soltanto sui siti più comuni di aste e shopping, ma invece e anche e pure da una prospettiva che valuta e assicura anche un possibile minore dispendio di denaro e di risorse e di quanto altro possa essere utile per chiunque debba allora procedere a un acquisto di questo tipo.

Ma secondo voi e invece si può arrivare a concepire una costruzione di shopping che possa offrire tutto quanto a noi possa interessare e possa anche offrire quello che voi volete e che voi possiate offrire. Ma insomma non pensate che una buona e semplice ricerca da voi che forse e pure avete conoscenze superiori alle mie di darmi una mano per cercare e trovare un termoconvettore nuovo e dunque e ancora acquistarlo per scaldarmi ogni volta che il freddo mi dovesse colpire?

Non pensiate che io mi voglia comportare in modo avventato e dunque e pure e in altre parole andare a comprare il primo obiettivo e il primo termoconvettore che mi sono trovata davanti, ma anzi la mia speranza è ben diversa. Vorrei crearmi una gamma più o meno vasta di opportunità dentro le quali poi scegliere quella più adatta a me. E non mica facile giungere a trovare questa situazione ottimale in una ricerca come la nostra che è così così anche e punto in termini economici.

Il risparmio e la qualità

Tanto risparmio e tanta qualità sono forse una utopia per me e per noi e per tutti noi che ci troviamo a dover valutare e considerare un acquisto importante ma per i quali si vengono a nascondere le occasioni maggiori e migliori e di più grande e rilevante valore. Ma pensate forse voi che ci si possa ritrovare con tante e ottime occasioni per le mani qua e là sulla rete? Beh, in realtà sì! E io invito anche voi a cercare su internet prima ancora di comprare.

Infatti vi sono molte possibilità e davvero ma davvero molte di trovare ottimi prodotti a prezzi modesti, per portare a casa un buon risparmio e tanta tanta qualità insieme. Io ritengo inoltre che se cercassimo insieme saremmo al sicuro.


La fotografia che parla

Molte volte quando guardiamo delle foto di momenti storici particolari, pensiamo anche a come si potrebbe essere svolto l’evento, e cominciamo a raccontarci una storia, la pensiamo, immaginandoci lo svolgimento dei fatti; tutto ciò molte volte capita anche guardando una sola fotografia, perché l’immagine racconta una storia. Le potenzialità espressive della fotografia sono davvero sorprendenti, il bravo fotografo riesce ad immortale in un centesimo di secondo, che esprime tutto il suo concetto, mi sto riferendo principalmente alle fotografie giornalistiche, quelle che testimoniano viaggi meravigliosi, e anche quelli di condanna, si tratta sempre di testimonianze che raccontano una storia.

Molte volte, soprattuto quando si tratta di foto reportage, la storia viene raccontata dalle immagini non servono parole; questa rappresenta la grande potenzialità della fotografia, quella di poter raccontare una storia senza testo, solo guardando le immagini, la storia si crea nella tua testa, e non serve l’utilizzo di un testo, perché le immagini sono il significato e la storia. Mentre, per la musica non è la stessa cosa, infatti solo ascoltando delle note possiamo provare sensazioni relative a possibili ricordi, o nuove sensazioni, ma senza necessariamente associarle ad una storia.

La fotografia fa tutt’altro effetto, e riesci spontaneamente a sapere come sono andate le vicende, guardando le fotografie, non solo di persone ma anche dei paesaggi. Se dovessi farti vedere quattro foto uguali, con lo stesso tema, ma fatte durante le quattro diverse stagioni, tu inconsciamente penseresti alle stagioni, al cambiamento, al tempo che passa e alla rigenerazione della natura, così facendo, ti stai raccontando una storia sul passare delle stagioni e del tempo, e la fotografia di quel l’elemento naturale è la tua storia.

Non servono le parole

Ho fatto un esempio semplice, per farti capire quante volte ti sarà capitato di guardare delle fotografie, anche di eventi spiacevoli del passato, come le guerre, e di immaginarti una serie di circostanze attorno a quel frangente, scattato in un secondo; questo spiega anche la potenzialità giornalistica delle foto, perché servono per raccontare senza parole, non servono mai le parole se la fotografia è quella giusta, anche se ripeto che credo sia sempre meglio con le foto reportage che in altre circostanze, alla base ci deve essere una storia, un evento come scopo da voler illustrare e raccontare, e quindi tutto avrà il senso che deve, e le parole non serviranno a spiegare nulla di più di quello che è stato immortalato.

Il bravo fotografo riesce anche ad avere la sensibilità giusta nello scattare nel momento più idoneo, dando il significato maggiore alla foto, allora non serviranno le parole, un testo scritto che spiega gli avvenimenti; infatti nella maggioranza delle mostre fotografiche, non c’è mai stato bisogno di scrivere il testo, conoscendo il tema, basta solo guardare con gli del cuore, e creare la storia con la propria immaginazione.


Pagine:12